#pensaingreen

Banca Campania Centro in prima linea per dare il proprio contributo sul delicato tema dell’ambiente. Iniziative di sensibilizzazione ambientale sul territorio e uno speciale finanziamento “Green” per le spese di adeguamento della propria casa in una logica green.

 

 

#Pensaingreen: i Giovani Soci Kairòs e Legambiente per una Battipaglia più verde

Piantare cento alberi a Battipaglia. Questo l’obiettivo del gruppo Kairòs Giovani Soci di Banca Campania Centro che, in collaborazione con il circolo Legambiente Battipaglia, piantumerà nelle prossime settimane cento piante comunemente definite “anti-smog”. Una serie di appuntamenti cominciati sabato primo febbraio in via Moncharmont, alle spalle della parrocchia sant’Antonio di Serroni. Un momento di collaborazione e condivisione importante, che verrà ripetuto nelle prossime settimane in altri quartieri della cittadina battipagliese. Dopo la benedizione da parte del parroco don Paolo Castaldi e il saluto del sindaco di Battipaglia Cecilia Francese, il dirigente di Legambiente Valerio Calabrese ha ricordato la mission dell’associazione. Un argomento importante ripreso anche dal vicepresidente della cooperativa di credito Camillo Catarozzo, che ha parlato di tutte le iniziative messe in campo da Banca Campania Centro per ridurre l’impatto ambientale e per diffondere un messaggio positivo di sensibilità verso i luoghi in cui viviamo.

#Pensaingreen: Un corridoio per le api a Battipaglia

In occasione della Giornata del Risparmio Energetico, Legambiente Battipaglia, Banca Campania Centro, il gruppo Kairòs Giovani Soci, Croce Rossa Battipaglia e la locale comunità Sikh, insieme per un progetto per l’ambiente fatto anche di inclusione e condivisione.
Un vero e proprio corridoio delle api formato da piante di lavanda, camedrio femmina e rosmarino. Arbusti che favoriscono il processo di impollinazione delle api, così importante per il nostro ecosistema. Un gesto di mitigazione ambientale che rientra nei progetti di Legambiente e che i giovani Soci di Banca Campania Centro hanno pensato di far rientrare in #pensaingreen, l’iniziativa della cooperativa di credito nata per ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente e far crescere un’idea di ecologia integrale che coinvolga tutte le comunità.

Banca Campania Centro è tra i firmatari del Manifesto “Un’economia a misura d’uomo contro la crisi climatica”

Il presidente di Banca Campania Centro, Silvio Petrone, è tra i firmatari del Manifesto “Un’economia a misura d’uomo contro la crisi climatica”, promosso dal presidente della Fondazione Symbola Ermete Realacci, dal presidente di Coldiretti Ettore Prandini, dal presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, dall’amministratore delegato di Enel Francesco Starace, dal direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi Padre Enzo Fortunato, da Catia Bastioli di Novamont e già firmato da oltre 50 esponenti del mondo economico, sociale e culturale.

Tale scelta nasce nell’ambito dell’impegno per l’Ambiente e contro la crisi climatica che Banca Campania Centro porta avanti già da sempre e che ha visto proprio nelle ultime settimane far nascere importanti progetti.

Il Manifesto firmato dal nostro presidente e che ha già visto l’adesione di oltre 50 esponenti del mondo economico, sociale e culturale italiano, oltre che quella di centinaia di persone impegnate in questo ambito, sottolinea come “affrontare con coraggio la crisi climatica non è solo necessario ma rappresenta una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro”.

Un Manifesto che invita ad affrontare questa sfida, ribadendo l’importanza di un’economia circolare e sostenibile, una “Green Economy” che rende più competitive le nostre imprese e produce posti di lavoro, “affondando le radici, spesso secolari, in un modo di produrre legato alla qualità, alla bellezza, all’efficienza, alla storia delle città, alle esperienze positive di comunità e territori”.

Banca Campania Centro già da anni porta avanti con la Fondazione Symbola il progetto “Banca delle Qualità Campane” che si pone in questa linea nella valorizzazione delle eccellenze e delle reti.

Tutti temi quindi, cari alla nostra Banca, che proprio nei giorni scorsi ha annunciato in una conferenza stampa, un forte e rinnovato impegno su queste tematiche che, nei territori di cui è espressione, sono ancora più sentite e importanti.

Da mesi, prima i giovani Soci del Club Kairòs, con un progetto per far nascere esperienze di startup che si rifanno all’Economia Circolare e Sostenibile, e che ha prodotto nove progetti che daranno lavoro e testimonianza di un modo nuovo di fare sviluppo, poi l’intera Banca Campania Centro, attraverso i suoi 8000 soci che hanno approvato e sostenuto attraverso nuove idee, il progetto della Banca per una serie di iniziative di sostegno proprio a quell’economia a misura d’uomo capace di contrastare la crisi climatica che il Manifesto, oggi firmato, propone con forza.

 “Firmare il Manifesto proposto da Symbola, Coldiretti, Confindustria, Novamont e Convento di Assisi, è stato per noi naturale – ha dichiarato il presidente Petrone - la nostra Banca continuerà nel suo impegno rifacendosi ai propri ultracentenari Valori e a quelli espressi con così tanta forza dal Manifesto a cui abbiamo aderito con entusiasmo”.

Ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente è la sfida del Millennio. Una sfida a cui siamo chiamati tutti per evitare che la Terra collassi a causa della cattiva gestione che noi esseri umani, inquilini a volte scomodi, ne stiamo facendo. Ormai da qualche anno, sempre più persone stanno cercando di adottare un sistema di vita più sostenibile e che non sfrutti la Terra: tanto è stato fatto e tanto c’è da fare. Ma, oltre a pratiche largamente diffuse e che coinvolgono più attori, ci sono tante piccole azioni che ognuno di noi può fare, anche dentro casa, per ridurre l’impatto ambientale.

Eccone qualcuna!

1. Elettricità

Il futuro dell’energia dipende dal sole e dal vento. Secondo una ricerca condotta da BloombergNef nel 2018, i due terzi di nuovi impianti per la generazione di elettricità nel mondo sono rinnovabili. Di questi, l’84% sono solari o eolici. Secondo le previsioni, nei prossimi trent’anni le rinnovabili arriveranno addirittura a coprire metà del fabbisogno energetico mondiale!

2. Riciclo

L’economia circolare consiste nel riutilizzo completo delle risorse: deve essere questo il futuro del nostro Pianeta. Dal 2014, alcuni paesi dell’Europa (Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Olanda e Svezia) non hanno inviato alcun rifiuto in discarica. Le ultime direttive imposte dall’UE impongono un aumento della quantità di materiale riciclabile. Entro il 2035, infatti, la percentuale di rifiuti urbani da smaltire in discarica non dovrà superare il 10%. Una sfida da vincere necessariamente.

 

3. Smart City

Lo Smart Mobility Report del 2019 ci dice che, entro il 2023, verranno investiti più di duecento miliardi di dollari per la produzione di auto elettriche. Si tratterà di una vera e propria rivoluzione industriale e commerciale. Nel nostro Paese, registriamo solo lo 0,01% di auto elettrico e il 3,4% di auto ibride. Urge un cambio di passo per allinearsi alle percentuali mondiali.

4. Cibo e agricoltura

Secondo gli ultimi dati della FAO (Food and Agricolture Organization of the United Nations), nei prossimi trenta’anni assisteremo ad un aumento del 70% della produzione di cibo. Urgono delle azioni per garantire la sicurezza alimentare senza impattare ulteriormente sul nostro Pianeta. Il primo passo è stato fatto con la diffusione di pratiche agricole sostenibili e l’attuazione di politiche alimentari meno impattanti (meno carne e più vegetali). Il prossimo step sarà quello di fermare la deforestazione e ridurre l’apporto di fertilizzanti. 



Prestito #pensaingreen

L’attenzione all’Ambiente è importante e conveniente. Soprattutto per la nostra qualità della vita e per quella delle future generazioni.

Banca Campania Centro, nell’ambito delle sue iniziative per la tutela dell’ambiente e per una finanza sostenibile, ha pensato a un Prestito speciale per tutti coloro che vogliono “pensare” la propria casa in “Green”. Il prestito #pensaingreen infatti finanzia a tasso agevolatissimo tutte quelle spese che possono rendere le propria casa più rispettosa dell’Ambiente risparmiando in energia: installazione di impianti di efficientamento energetico, manutenzione o installazione impianti idro-termo-sanitari, acquisto elettrodomestici e impianti di climatizzazione di classe A o superiori, progetto e recupero di spazi verdi, abbattimento barriere architettoniche, ascensori e tanto altro ancora. L’importo finanziabile massimo è di 30.000 euro con durata da 19 a 60 mesi.

Per l’eccezionalità dell’offerta, tale prestito può essere richiesto fino al 31/12/2020. Tutti i dettagli è possibile conoscerli cliccando qui o rivolgendosi in filiale.

09/03/2020
Le scelte per l’ambiente di Banca Campania Centro
Banca Campania Centro fa scelte ecologiche importanti per la sua sede.  35.000 tonnellate di CO2 in meno in cinque mesi...
KAIROS WEBTV
09/03/2020
Le iniziative per l’ambiente di Banca Campania Centro...
Si è rinnovato anche quest’anno l’appuntamento di “M’illumino di meno”, iniziativa promossa dalla trasmissione di Rai...
KAIROS WEBTV
02/03/2020
Continua l’iniziativa di Legambiente con Kairòs...
Continua “Mille alberi per Battipaglia”, iniziativa di Legambiente Battipaglia-Bellizzi in collaborazione con Banca...
KAIROS WEBTV
04/02/2020
#Pensaingreen: i Giovani Soci Kairòs e Legambiente per...
Piantare cento alberi a Battipaglia. Questo l’obiettivo del gruppo Kairòs Giovani Soci di Banca Campania Centro che, in...