14/09/2018
Istituzionale
A dieci anni dal crack di Lehman Brothers

Federcasse: E’ tempo di interrogarsi su quale modello di business sia più efficace e sostenibile

La Categoria delle BCC negli ultimi dieci anni ha consolidato gli assetti patrimoniali complessivi, capitalizzato le Capogruppo dei nuovi Gruppi Bancari Cooperativi, risolto senza alcun contributo pubblico situazioni di criticità, difeso l’occupazione.
Accrescendo le quote di mercato nel finanziamento dell’economia reale, famiglie e imprese.

A dieci anni dal fallimento di Lehman Brothers che innescò – con la crisi dei subprime – la più
grande crisi finanziaria della storia di cui ancora si avvertono le pesanti conseguenze, Federcasse (la
Federazione Nazionale delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali) propone una riflessione su
quali modelli di sviluppo siano da considerare idonei a favorire la crescita inclusiva e sostenibile ed
evitare il ripetersi di crisi globali prima finanziarie poi economiche e sociali dagli impatti enormi.
Per Federcasse, nel tentativo – certamente necessario – di mettere in sicurezza il sistema
finanziario globale, si è prodotto però negli anni un eccesso di regolamentazione che non ha saputo
considerare la diversità degli intermediari, né si è declinata secondo criteri di indispensabile
proporzionalità. Con il risultato che norme “pensate” per grandi intermediari aventi natura giuridica di
società di capitali sono andate ad impattare – con abnorme aggravio di costi – sulle realtà minori, quali
le banche cooperative mutualistiche e, più in generale, le istituzioni vocate a fare finanza per lo
sviluppo. Quelle che non causarono la crisi e che, dati alla mano, in questi dieci anni si sono dimostrate
più “resilienti” nonché strumento indispensabile per la tenuta di interi sistemi economici.
Federcasse ricorda, a questo proposito (e nonostante la mancanza di un “terreno di gioco
livellato” sul piano normativo), che a livello patrimoniale, le BCC sono passata dai 18,4 miliardi del
2009 ai 19 miliardi e 425 milioni di fine 2017 (+ 5,43%).
Allo stesso tempo, è stato incrementato il patrimonio delle banche di secondo livello, future
capogruppo dei nuovi Gruppi Bancari Cooperativi, complessivamente da 1 miliardo e 238 milioni ai 2
miliardi e 871 milioni.
Il segno evidente e oggettivo che non si è dilapidata ricchezza. Anzi se ne è creata. E sempre in
una logica di sostegno ai territori, senza alcun obiettivo di massimizzazione del profitto individuale.
Tutto questo – secondo Federcasse – è avvenuto, peraltro, in uno dei decenni più duri per le
istituzioni economico-finanziarie. Un decennio nel quale le BCC hanno risolto al proprio interno, e
senza alcun contributo pubblico, situazioni di criticità; capitalizzando efficacemente i nascenti Gruppi
Bancari; difendendo i livelli occupazionali e accrescendo le quote nel cruciale mercato dell’erogazione
del credito. Dietro questi numeri, il dato centrale di un modello di business che ha dimostrato tutta la
sua efficacia e che deve essere costantemente adeguato, ma non snaturato.
“Reinvestendo sul territorio il risparmio che in quel territorio si origina – è l’opinione del
Presidente di Federcasse, Augusto dell’Erba – cioè continuando a ‘fare banca’ con l’obiettivo di creare
benessere diffuso, le BCC hanno continuato a sostenere l’economia reale svolgendo un riconosciuto
ruolo anticiclico. E le quote di mercato sono cresciute arrivando al 22% del totale dei crediti erogati
alla piccole imprese della manifattura e dell’artigianato, al 20% per le imprese dell’alloggio e
ristorazione (turismo), al 19,6 per quelle del settore agricolo ed agroalimentare, al 14% per le imprese
del terzo settore ”.
“E’ arrivato il momento – aggiunge dell’Erba – che si apra un dibattito ai più alti livelli
sull’attualità e sulla efficacia del modello di banca cooperativa e mutualistica. Multidimensionale per
definizione e che pertanto ha bisogno di un approccio che ne sappia distinguere le specificità
normative ed organizzative e, soprattutto, ne possa misurare l’efficacia rispetto ad una missione
differente”.

 

Roma, 14 settembre 2018

 

 

 

Comunicato stampa Federcasse